Sport all’aria aperta? Attenzione ai denti!

Arriva l’estate, il tempo giusto per passeggiate, sport all’aria aperta, pic nic e qualche giornata di sano  sport tra amici. Ma attenzione! Una caduta accidentale, un contrasto troppo forte o una distrazione potrebbero compromettere il nostro sorriso. Come agire quando accadono questi piccoli problemi? Vediamo insieme quali sono i rischi più frequenti e come è possibile risolverli in caso di incidente.

 

Sport-e-denti.jpg

 

 

Sia che siate atleti improvvisati, sia che pratichiate sport tutto l’anno i vostri denti meritano un’attenzione particolare e devono essere protetti perché possono facilmente essere coinvolti in cadute o fratture.

Tra gli sport che registrano il maggior numero di traumi dentali ci sono ovviamente quelli di contatto come basket, pallamano, arti marziali, rugby, football americano e hockey ma anche motociclismo, sci alpino, pattinaggio, calcio e ciclismo sono ai vertici degli infortuni dentali.

 

Interventi tempestivi e precisi permettono comunque di limitare i danni. Vediamo cosa fare in queste situazioni.

Tre sono i tipi di danni che possono subire i denti:

1. Frattura. Il dente si rompe o se ne stacca un pezzo. Le probabilità di salvare il dente variano molto a seconda della profondità della frattura. In genere è consigliato conservare la parte fratturata preferibilmente nel latte o in acqua e contattare subito il dentista. Se si tratta di una scheggiatura superficiale dello smalto la risoluzione del danno è totale. Se, però, la rottura raggiunge la polpa, il trattamento diventa più complesso e il dente necessita di devitalizzazione. Nel caso, infine, che la frattura colpisca fino alla radice del dente, spesso si è costretti ad estrarlo;

 

2. Avulsione e quindi perdita completa del dente. In tal caso l’unica soluzione è recarsi immediatamente dall’odontoiatra, il quale provvederà ad introdurlo nell’alveolo e fissarlo temporaneamente. Le probabilità di successo del reimpianto sono proporzionali al tempo trascorso dall’avulsione al reinserimento, minore è il tempo, maggiore sono le possibilità che il dente rimanga vitale;

 

3. Lussazione e mobilità del dente. Anche in questo caso recarsi dal dentista è l’unica soluzione possibile. Il dentista lo fisserà temporaneamente dopo averlo riposizionato correttamente, la percentuale di mantenimento della vitalità del dente è altissima.

 

Insomma, durante tutte le attività sportive è fondamentale proteggere i propri denti ed essere pronti in caso di incidenti.

Contattaci per una prima visita >>> 

Per migliorare la tua navigazione in questo sito si utilizzano cookie e tecnologie simili. Proseguendo la navigazione dichiari di accettarne l'uso. Cosa sono i cookie?